12/07/2024
Regno Nero di Debora Mele:  un Romanzo di Formazione in cui la protagonista è la Resilienza
Consigli per la Lettura Prima Pagina Recensioni sito

Regno Nero di Debora Mele:  un Romanzo di Formazione in cui la protagonista è la Resilienza

Giu 29, 2024

Regno Nero narra la drammatica e commovente storia di una giovane donna costretta a lottare contro le ombre di un passato opprimente per costruirsi un futuro luminoso e pieno di speranza. La trama segue la vita di Debora, la protagonista, segnata da un’infanzia e un’adolescenza di abusi e privazioni, imposte da un padre despota e autoritario, figura di rilievo nella comunità religiosa locale.

Fin dalle prime pagine, il lettore è immerso in un mondo fatto di rigidi divieti e punizioni assurde, che impediscono alla piccola Debora di vivere una vita normale. Il padre, con la sua visione ristretta e fanatica dei principi religiosi, non solo la priva delle semplici gioie dell’infanzia, come la scuola e le amicizie, ma la isola anche dai suoi coetanei, mentre  la madre, purtroppo, non riesce a sostenerla, essendo anch’essa sottomessa alle regole imposte dal marito.

La giovane Debora, dopo anni di angherie e umiliazioni, trova il coraggio di ribellarsi e, grazie all’aiuto di una parente del padre, riesce a fuggire a Roma all’età di 18 anni. Qui inizia il suo percorso di rinascita, che la porta in Emilia-Romagna, dove incontra Luigi, che le offre un lavoro nel suo pub. Poco dopo scopre di essere incinta, i due decidono di sposarsi e Debora dà alla luce la sua amata Stella, che diventa la sua ragione di vita.

Purtroppo, i maltrattamenti non finiscono qui e tante altre traversie portano ombre nella vita della nostra protagonista/autrice, ma il destino le riserva ancora una speranza: l’incontro fortuito con una persona, con cui riuscirà finalmente a ricostruire una vita serena. Grazie all’aiuto di nuove amiche e colleghe completa gli studi e si laurea, dimostrando una straordinaria forza d’animo e determinazione.

Tuttavia, il passato non è completamente alle spalle. Gli abusi subiti le hanno lasciato una malattia che richiede continui interventi chirurgici, conseguenza dei traumi alla testa e alla mandibola. Nonostante tutto, il romanzo si conclude con una nota di speranza: la protagonista sceglie di non farsi definire dal suo passato e decide di darsi l’opportunità di essere felice, senza necessariamente perdonare ma scegliendo di andare avanti.

Un racconto potente e toccante di crescita personale

Regno nero di Debora Mele è un racconto potente e toccante di crescita personale. La protagonista, che è la stessa autrice, rappresenta un simbolo di speranza per tutti coloro che hanno subito traumi e cercano di trovare la propria strada verso la felicità. La narrazione, cruda e realistica, offre uno sguardo approfondito sulle difficoltà di chi è costretto a lottare contro le ombre del passato, ma anche sulle possibilità di rinascita e di costruire un futuro migliore. Un romanzo che emoziona e ispira, ricordandoci che, nonostante le avversità, è possibile trovare la luce anche nei momenti più bui. Nella letteratura classica e moderna sono diversi i romanzi in cui i protagonisti, per lo più donne, devono scontrarsi con crudeltà e violenze domestiche. Sono diversi i lavori celebri che esplorano le dinamiche distruttive tra padri e figlie, evidenziando come la figura paterna possa avere un impatto devastante sulla vita di queste, come non citare L’amica genialedi Elena Ferrante nella cui quadrilogia, il personaggio di Don Achille Carracci e la sua influenza indiretta sulla vita di Lila (Raffaella Cerullo) mostrano come un padre, anche se non biologico, possa avere un impatto negativo sulla vita di una giovane ragazza attraverso il suo comportamento violento e minaccioso. Regno Nero nella sua semplicità narrativa riesce a trattare temi complessi, come la violenza sui minori, la violenza domestica, il fanatismo religioso, ma anche le note positive di chi desidera uscire fuori di una vita che sente non appartenerle, la speranza di un futuro migliore rispetto al mondo gretto e oscuro in cui è costretta a vivere. Regno nero è un romanzo che offre una profonda introspezione sulle dinamiche familiari e sulle ripercussioni a lungo termine che i comportamenti e le azioni dei padri possono avere sulla vita delle figlie, esplorando temi di abuso, oppressione e ricerca di identità

Un romanzo autobiografico con uno stile di scrittura diretto e incisivo

Debora Mele in questo romanzo autobiografico utilizza uno stile di scrittura diretto e incisivo, caratterizzato da una prosa densa e penetrante. La narrazione immersiva, in prima persona, permette ai lettori di entrare profondamente nei pensieri e nelle emozioni della protagonista, creando un’intimità che rende la lettura ancora più coinvolgente. Questo tipo di narrazione  facilita una empatia con la sfera emotiva della protagonista: i lettori possono accedere ai suoi pensieri più intimi, alle sue paure, ai suoi desideri e alle sue speranze. Questa intimità rende la lettura un’esperienza molto personale e toccante, poiché chi legge è in grado di vivere le vicende narrate in modo molto più diretto e autentico.  Regno nero è un romanzo potente che esplora temi universali attraverso la lente di un’esperienza diretta e profondamente tormentata.   La prosa di Debora Mele è  penetrante poichè ogni parola e ogni frase sono cariche di significato e contribuiscono in modo sostanziale alla narrazione. Non ci sono parti superflue o riempitive, ogni elemento del testo ha uno scopo e aggiunge valore alla storia. Una diegesi dunque che  ha un impatto profondo sul lettore,  atta a provocare  una forte risposta emotiva. La relazione tra Debora,  suo padre, suo marito, sua figlia e il suo compagno non sono soltanto gli elementi della trama, ma il nucleo emozionale  che guida la protagonista nel suo viaggio di scoperta e autodeterminazione, tutti elementi che  evidenziano il genere narrativo di questo lavoro, che come Romanzo di Formazione soddisfa le caratteristiche in esso rappresentate.

Consigliato:  a coloro che amano le storie autobiografiche; da proporre nei percorsi di recupero per i  soggetti abusati o che hanno subito violenze domestiche; a chi vuole sperimentare la capacità di resilienza di una donna .

L’Autrice : La vita di Debora ne ha dentro tante altre: dall’infanzia dolorosa in Sardegna fino alla sua fuga, appena diciottenne verso un’esistenza che valeva la pena di essere vissuta. Inizia così la sua avventura lontano da un padre violento e da una madre troppo silenziosa, in cerca di se stessa e di una felicità che sentiva di meritarsi. Reggio Emilia l’accoglie e le dona la possibilità di riscattarsi con sua figlia Stella e il compagno Leonardo, una storia d’amore da favola e le tappe di una nuova nascita perché non è mai troppo tardi per realizzare i propri sogni ed essere felici. “La vita succede, sta a noi capire come reagire e rialzarci e tutto quello che è successo a Debora ne è la prova più luminosa.

Debora Mele; Regno Nero -Dal sorgere dell’alba al calore del tramonto; CE Albatros (2020); Pag. 125